storie

Le mille e una storia

8 marzo: quattro lezioni da un giorno speciale

Mimosa
views
1043

Teresa Mattei e la mimosa

Mi piace ricordare tutti quelli che hanno lasciato un segno, ma come nel caso dell’articolo su Marie Curie, non per forza scelgo la data esatta della ricorrenza per farlo.

L’8 marzo è già passato e pertanto anche la festa delle donne. Scommetto che hai già dimenticato tutto su questa festa internazionale così carica di significato!

Teresa Mattei? E chi era?                                                                                                                                                                     Perché le mimose, chiedi? Non saprei, magari dopo apro Wikipedia…

Tranquillo, ci penso io.

Prima, però, vorrei parlarti di un qualcosa di fondamentale nella crescita personale: la curiosità. Oggi abbiamo accesso a una quantità di informazioni talmente immensa che rischiamo di esserne schiacciati.

Selezionare è difficile in un mare di possibilità e notizie, vere e false. Ogni giorno possiamo ampliare il nostro bagaglio di conoscenze, anche con pochi minuti a disposizione.

Eppure, internet e i social media spesso ci risucchiano in un’altra dimensione, da cui usciamo spaesati: “Ma come, sono passate due ore? E cosa ho fatto?!” (Per una gestione più efficace del tempo clicca qui).

Certo, non possiamo memorizzare tutto né ricordarci ogni ricorrenza: come fare a selezionare?

Riuscire a focalizzarsi soltanto su contenuti veramente utili è difficile. Quanti personaggi hanno fatto la storia del nostro paese, quante personalità sarebbero da ricordare e prendere come esempio… un’infinità!

E alla fine ci perdiamo. Finiamo ad aprire il video sui cuccioli di panda allo zoo e tralasciamo articoli da cui potremmo imparare qualcosa (rari, sono d’accordo).

Non dimenticare, però, che la mente è una macchina che va stimolata e tenuta in costante esercizio. Sii curioso e fai qualche piccolo sforzo ogni giorno per imparare qualcosa di nuovo.

Perché non cominciare proprio dalla festa delle donne?

Non sai chi era Teresa Mattei e perché la mimosa è il simbolo dell’ 8 marzo?

Però qualcosa mi dice che ci resti male se nessuno si presenta con quel bel mazzolin di fiori che vien dalla campagna!

Solo in Italia il simbolo della festa della donna è la mimosa e fu Teresa Mattei, nel dopoguerra, a sceglierlo per noi: si trattava di un fiore facile da trovare nelle campagne e quindi alla portata di tutti.

Su di lei…

Ex partigiana, nonché membro più giovane dell’Assemblea Costituente che ha dato vita alla nostra Costituzione, Teresa Mattei ha lottato fino all’ultimo per l’uguaglianza di genere e i diritti dell’infanzia.8 marzo

Quando nel giorno della festa della donna vedo le ragazze con un mazzolino di mimosa penso che tutto il nostro impegno non è stato vano.

È rimasto celebre uno scontro avuto con un collega:

Signorina, ma lei lo sa che in certi giorni del mese le donne non ragionano?                 Ci sono uomini che non ragionano tutti i giorni del mese!

L’ 8 marzo è una festa importante, soprattutto se pensiamo alla condizione generale delle donne nel mondo.

In Arabia Saudita non possono guidare (tra le altre cose), in Nepal devono appartarsi in baracche se hanno le mestruazioni, in India sono ancora molto frequenti gli aborti in caso sia in arrivo una bambina…

L’adesione globale alle manifestazioni tenutesi in tutto il mondo l’ 8 marzo 2017 ha dimostrato che il tema è più caldo che mai.

8 marzo 

L’ 8 marzo rappresenta l’occasione giusta, ogni anno, per ricordarci di:

  • Credere nel futuro e festeggiare i piccoli successi che dimostrano che i miglioramenti sono possibili, anche quando gli ostacoli sembrano insormontabili. Pensa che traguardo irraggiungibile doveva sembrare il suffragio universale agli inizi del ‘900!
  • Guardare al passato e ricordare le storie di chi ci ha preceduti, per capire che troppe cose c8 marzohe diamo per scontato sono state il frutto di fatica, impegno e coraggio. Sempre parlando di voto… in Italia le donne hanno votato per la prima volta nel 1946: mica così tanto tempo fa!
  • Concentrarci sul presente, perché la strada è ancora lunga, ma si procede un passo per volta. Spesso questa strada fa una curva improvvisa e ci riporta indietro, ecco perché occorre essere sempre vigili.
  • Essere curiosi. Non lasciare che il tuo cervello, una macchina così stupefacente, si atrofizzi. Leggi qualcosa di interessante, chiedi perché come fanno i bambini e vai alla ricerca delle risposte.

Oh, che meraviglia! Oggi ti ho ricordato perché la mimosa è il più bello dei fiori e perché riceverlo dovrebbe farti davvero molto piacere: è un simbolo per tutte, dal passato per il futuro.

Non dimenticarti più di Teresa Mattei 😉 Leggi qui se vuoi più info su di lei da Wikipedia, mentre per l’enciclopedia delle donne clicca qui!

Non dimenticare di condividere l’articolo!

Foto da Google Immagini

Le mille e una storia

Non mollare mai. Storia di Samia Yusuf Omar

Olympics Day 11 - AthleticsSamia Yusuf Omar compete nei 200m femminili alle Olimpiadi di Pechino 2008, China. Photo by Stu Forster
views
826

Questo articolo è dedicato alla memoria di Samia Yusuf Omar. La sua storia mi è rimasta così impressa che mi sembra quasi di averla conosciuta personalmente. Facciamo un passo alla volta.

Lasciamo stare il “c’era una volta…”

Mi piacciono le storie, alcune mi appassionano talmente che mi restano impresse per giorni. Se sto passando un periodo di apatia e sono poco motivata, miracolosamente riescono a darmi la scossa e farmi ritrovare la dose di energia necessaria per i miei progetti. Mi fanno riflettere e mi aiutano a mettere le cose in prospettiva.

Capita anche a te? Sto parlando di storie realmente accadute, anche se possono esserci delle eccezioni.

Non dirmi che sei uno di quelli appassionati di fantasy, fantascienza o distopia che considera grandi eroi solo i protagonisti di mondi fittizi, ma nella vita reale non si stupisce di nulla. Andiamo, niente è più sorprendente della realtà! E in questo blog maghi ed eroi dell’immaginazione li lasciamo volentieri da parte, per parlare invece di avventure, non sempre a lieto fine, ma reali e che possono meravigliarci perfino di più.

Tanto per cominciare, se ancora non hai esplorato la sezione storie, ti consiglio di dare un’occhiata qui. Ci saranno anche interviste in futuro, ma non essere impaziente 😉

Samia Yusuf Omar

La storia che ho scelto per farti venire i brividi è quella di Samia Yusuf Omar. Coraggio, impegno nel perseguire un obiettivo, tenacia, resilienza, speranza oltre ogni limite: la sua storia tragica non può e non deve essere dimenticata.

Samia Yusef Omar, atleta somala che ha partecipato alle Olimpiadi di Pechino nel 2008, arrivando ultima, sognava di rifarsi dell’ultimo posto alle Olimpiadi di Londra. Unico inconveniente: nel suo paese martoriato dai conflitti i fondamentalisti islamici le impedivano di allenarsi, figuriamoci poi correre in calzoncini e maglietta.

Samia ha cercato di resistere il più possibile trovando delle scappatoie, ad esempio allenandosi la notte, ma alla fine le è rimasta un’unica soluzione: cercare di raggiungere l’Europa. Già, in mezzo a tutti quei corpi in movimento sui barconi della morte, che vediamo in televisione ogni giorno, nel 2012 c’era anche lei. Purtroppo è stata meno fortunata ed è annegata nel Mediterraneo. Non sapeva nuotare: a Mogadiscio avvicinarsi troppo alla spiaggia equivaleva a morte certa a causa dei cecchini.

Perché mai è partita? Non poteva rinunciare all’idea di partecipare alle Olimpiadi?

Talvolta non è facile capire gli altri e le loro motivazioni. Fatto sta che per Samia Yusuf Omar niente era più importante della corsa e rinunciare sarebbe stato come smettere di respirare. In ogni caso, l’alternativa era restare in un paese in costante guerra civile, senza alcun futuro. In Somalia non aveva alcuna possibilità di allenarsi, tanto meno di nutrirsi in modo adeguato per il tipo di sforzo che affrontava quotidianamente: pesava solo 44 kg. Quando alle Olimpiadi di Pechino è arrivata ultima il pubblico ha applaudito quel giovane scricciolo che dava il massimo su due gambe secche e muscolose, ben diverse da quelle delle altre atlete.

Ecco cos’ha detto in un’intervista:

Noi sappiamo che siamo diverse dalle altre atlete. Ma non vogliamo dimostrarlo. Facciamo del nostro meglio per sembrare come loro. Sappiamo di essere ben lontane da quelle che gareggiano qui, lo capiamo benissimo. Ma più di ogni altra cosa vorremmo dimostrare la nostra dignità e quella del nostro paese.

Guarda il video e se ti prende una fitta al cuore non preoccuparti, le storie più belle sono quelle che lasciano il segno.

Sulla vita di quest’atleta dalla forza interiore d’acciaio, Giuseppe Catozzella ha scritto un libro che ha avuto un grande successo in italia e all’estero, e da cui presto verrà tratto un film. Un libro da cui emerge un’immagine talmente vivida di Samia, mentre sfreccia per le strade di Mogadiscio, che alla fine ci si dimentica perfino che è una storia realmente accaduta. Arrivati alle ultime pagine riesce difficile credere che sia morta, si esige un lieto fine per una ragazza del genere: troppo coraggiosa, troppo determinata e caparbia per morire così, a un soffio dalle nostre coste e dal coronamento di un sogno.

Eppure basta andare su Wikipedia e Youtube per rendersi conto, d’un tratto, che lei non è finzione, che è esistita e che ha provato ad attraversare lo stesso mare in cui noi sguazziamo allegramente l’estate.

Mo Farah, grande atleta somalo e punto di riferimento di Samia, di recente è finito sul giornale per aver lanciato una critica alla nuova politica sull’immigrazione di Trump. Così, ti accorgi che non è nemmeno passato tanto tempo da quando lei è morta nel nostro mare: il suo grande eroe continua a correre. Samia non è l’eroina di una guerra del secolo scorso, è il simbolo degli esodi di questi anni, dei tanti sogni infranti tra le onde.

Dovresti proprio leggere questo libro. Come ho scritto sul mio post sull’empatia, è difficile capire gli altri e assai facile cadere in stereotipi e pregiudizi, meno male che le storie solo là per salvarci!

Mi sono immedesimata così tanto in Samia Yusuf Omar, tramite le parole dell’autore, che ogni tanto mi sembra di sentire il sole accecante della Somalia sulla pelle e di entrare nel suo cortile. A questo servono i libri quando sono scritti bene: a non dimenticare, a sentirli così profondamente che certe storie finiranno per far parte di te.

Non dirmi che hai paura

Lezione di oggi: la realtà è durissima, a volte fa accadere cose strabilianti, altre ti spezza il cuore. Ma la storia di Samia Yusuf Omar, anche se è finita nel peggiore dei modi, tra prigioni libiche e morte, ha molto da insegnare.

Samia rappresenta la speranza. Non è forse questo che ha permesso a così tante persone di migliorare il mondo? La speranza che nonostante il cammino sia impossibile, si possa a trovare uno spiraglio di miglioramento, un modo per attraversarlo e raggiungere la meta. Samia non ha raggiunto  il suo obiettivo, ma è già un simbolo.

Vola, Samia, vola come il cavallo alato fa nell’aria… Sogna, Samia, sogna come se fossi il vento che gioca tra le foglie… Corri, Samia, corri come se non dovessi arrivare in nessun posto… Vivi, Samia, vivi come se tutto fosse un miracolo…

Se hai un sogno o un progetto dovresti inseguirlo con la stessa tenacia e la stessa motivazione di ferro con cui Samia inseguiva il suo per le strade polverose della capitale somala. 

Non mollare mai

Se sei interessato ad acquistare il libro di Giuseppe Catozzella Non dirmi che hai paura,  clicca sul link qui sotto.  Il prezzo per te non cambierà, ma io ci guadagnerò una minuscola percentuale 🙂

Non dirmi che hai paura

Non dimenticare di farmi sapere se l’articolo ti è piaciuto e seguimi sui social!

Crescita personaleLe mille e una storia

empatia: storie e consigli per svilupparla al meglio

friends-1149841_1920
views
2024

Nelle scuole danesi hanno istituito un nuovo tipo di corso e i bambini, oltre alle materie tradizionali, frequenteranno anche le lezioni di empatia.

E quindi?

Se mi lasci il tempo di raccontare capirai quanto l’empatia sia fondamentale in life, my dear. Partiamo dalla cara Wikipedia che ci viene sempre in aiuto.

Empatia: in psicologia, la capacità di porsi in maniera immediata nello stato d’animo o nella situazione di un’altra persona.

Sempre secondo Wikipedia la parola deriva dal greco εμπαθεία (empatéia, a sua volta composta da en-, dentro, e pathos, sofferenza o sentimento), usata per indicare il rapporto emozionale di partecipazione che legava l’autore-cantore al suo pubblico.

L’empatia è una delle cose più importanti per imparare a vivere meglio e gestire più efficacemente le relazioni con gli altri. Secondo alcuni studi, insegnare ai bambini a decifrare le proprie emozioni e quelle altrui ha un’influenza notevole sul comportamento, tanto che si riducono gli atti di bullismo e si crescono adulti più felici e rispettosi. WOW!

Tu come stai messo? Giudichi senza pietà o provi a metterti nei panni degli altri? Ti sforzi di comprendere le tue emozioni e non farti travolgere da quelle negative? Oppure quando inizi a sentire un po’ di inquietudine o rabbia spazzi via tutto quello che hai davanti?

C’era una volta

Per sviluppare l’empatia non c’è niente di meglio delle storie. Attraverso i pensieri dei personaggi e le descrizioni dei libri impariamo ad immedesimarci, ma non bisogna solo pensare alla letteratura. Anche nella vita quotidiana e nell’attualità le storie ci aiutano a capire meglio l’altro.

Nell’attualità? Ma se è solo cronaca nera!

Sì, lo so che i giornali pur di attirare clic sui social ricorrono a qualsiasi mezzo, specialmente testi morbosi conditi da parole inappropriate e dettagli discutibili (quante coltellate? Ah grazie, ora torno in cucina sennò i tortellini si scuociono), ma ogni tanto c’è anche qualche descrizione più sobria! Penso soprattutto alle stragi terroristiche e ai profili delle vittime (allegria oggi!), che rappresentano un tentativo sincero di capire chi c’era dietro quei numeri. Non trovi? 

Intendo solo dire che le storie ci permettono di distinguere. Non dipingono i protagonisti come un insieme unico o diviso per mera nazionalità. Aprono uno spiraglio su un mondo ben più complesso e profondo, fatto di aspirazioni, sogni, frustrazioni, emozioni, problemi…

Con le storie smetti di essere un numero e torni ad essere una persona. 

Storie da un mare non così lontano…

Se penso alle storie e a come creino empatia mi vengono sempre in mente i rifugiati. Scommetto che quando vedi le foto dei barconi che colano a picco fatichi a provare empatia: ci sono solo tante figurine colorate che si ammassano disperatamente l’una sull’altra, così diverse che sembrano venire da una galassia sconosciuta. Difficile immedesimarsi in una scena simile. 

Ma sono poi così diverse da te quelle figure sfocate nella foto?

Quando inizi ad ascoltare le storie personali, quando ti capita di conoscere personalmente qualcuno che ha vissuto una tale esperienza o hai la possibilità di capire meglio cosa si nasconde dietro una massa informe, tutto cambia. Diventa più facile comprendere gli altri e le ragioni di  un certo comportamento

Se ci pensi le ONG e la pubblicità ricorrono sempre allo story telling, altrimenti come potresti tu identificarti con quel ragazzino orfano con cui non hai niente in comune? Eppure una volta che ha un nome un cognome e una storia personale la faccenda prende un’altra piega. Ti senti più vicino a lui.

Senza empatia non puoi comprendere chi hai davanti. Provi disinteresse per chi, semplicemente, è un completo estraneo. Perché, quindi, dovresti rispettarlo, compiangerlo per ciò che ha passato, provare pietà o qualsiasi altra emozione nei suoi confronti? Perché dovresti chiederti:

E se fossi io al suo posto?

Se parli inglese dai un’occhiata a questo splendido video, realizzato da una tv danese e dal titolo “Cosa succede quando smettiamo di etichettare le persone”. Avere qualcosa in comune con chi è diverso da noi non è poi così difficile.

empatia

Ma come coltivare l’empatia?

 

Empatia significa tentativo di identificarsi. Come diceva Aristotele, l’essere umano è un animale sociale ed ha bisogno di essere capito e amato. La mancanza di empatia porta ad un egoismo esasperato che può sfociare in conflitto. 

  • Inizia cercando di capire meglio le tue emozioni e le tue risposte emotive
  • Fai un esame di coscienza: vuoi essere capito dagli altri, ma tu sei disposto a tentare di capire?
  • Non stare sempre a giudicare (non è facile, lo so bene), prima di tutto ascolta
  • Fai uno sforzo per immedesimarti e provare a comprendere cosa c’è dietro un certo comportamento
  • Non frequentare sempre le stesse persone, cerca di cambiare aria
  • Leggi di più e guarda meno tv. La letteratura racconta e immerge in nuove prospettive, la tv spazzatura divide e alimenta i pregiudizi

Certo non sarà facilissimo all’inizio, ma sicuramente vedrai miglioramenti un po’ in ogni campo, dalla vita di coppia alla sfera lavorativa.

Se sei curioso di capire cosa significhi nel concreto l’empatia puoi perfino fare questo breve test!

Un breve articolo per un argomento tanto complesso quanto le emozioni umane! Del resto non serve scrivere papiri, il succo è provare a capire l’altro invece di giudicare, etichettare, isolare…

Mmm qualcosa mi dice che di questi tempi sia una lezione piuttosto utile, non credi?

Fammi sapere che ne pensi! E per oggi prova a chiederti:
Se fossi io al suo posto?

 

Le mille e una storia

20 sconosciute a un aperitivo: 20 storie per ispirarti

image
views
997

Prendi 20 sconosciute, di media sui trent’anni, e organizza un aperitivo per farle conoscere e condividere le loro storie. Così, grazie a Sophie, una ragazza olandese che vive a Firenze da diversi anni ed ha aperto il suo business online di life coaching, mi sono ritrovata in un locale fiorentino ad ascoltare varie esperienze di vita.

Ferma!

1 Numero uno, mi sono perso sul life coaching. Ma cos’è?

2 Numero due, che c’entra un aperitivo con la crescita personale?

Uno… Quella del life coaching è una professione. Sophie, infatti, aiuta le donne a far emergere il proprio potenziale e a realizzare le proprie aspirazioni senza farsi condizionare dagli altri. Insomma, è una sorta di guida che ti aiuta a ritrovare la strada, a fare chiarezza e a rivoluzionare la tua vita. Ha anche un programma molto speciale dedicato al superamento delle paure.

Alla storia di Sophie e alla sua attività dedicherò un’intervista intera, intanto se vuoi dare un’occhiata al suo business clicca qui.

Due… Un aperitivo può avere molto a che vedere con la crescita personale. Io, ad esempio, sono tornata a casa da quest’esperienza ispirata e sorpresa.

Procediamo con calma.

L’aperitivo era dedicato alle donne che hanno Sophie come coach o che si sono interessate ai suoi programmi, ma era aperto anche ad amici e conoscenti. Lo scopo era far incontrare personalità diversissime tra loro, con le ambizioni più svariate, ma al tempo stesso con le stesse necessità: tirar fuori la parte migliore di sé vincendo freni e paure, imparare a valorizzarsi, realizzarsi pienamente.

Storie o non storie?

Ho scelto di parlare di questo evento per inaugurare la sezione Le mille e una storia perché non poteva capitarmi niente di più perfetto: in un momento di dubbi e incertezze l’aperitivo è caduto a fagiolo!

Infatti, ero un po’ incerta su questa sezione. Non sapevo se iniziarla con un’intervista, un video o un articolo, o se addirittura eliminarla e ricrearla più avanti quando avrei avuto le idee più chiare e mi sarei decisa a passare all’azione. 

Finché non ho ricevuto l’invito a quest’evento e ho capito che sarebbe stata una bella opportunità. Ho cambiato idea più volte e all’ultimo minuto non volevo uscire. Ma cosa vado a fare ad un aperitivo con gente che non conosco e senza alcuna amica a fare da spalla? Come ne esco se mi trovo a disagio? Eppure, se c’è una cosa che ho imparato nei 20, è che più la vocina malefica dentro di noi ci intima di tornare indietro, più è importante sfidarla. Di solito è il segnale che siamo al limite della zona di comfort.

Quindi, quando senti che qualcosa ti trascina indietro, avanti tutta.

Storie dal Belpaese

Quando metti insieme 20 sconosciute di diverse nazionalità, dalla Polonia al Brasile, dagli Stati Uniti all’Olanda, di età differenti e percorsi di vita variegati, succedono cose incredibili. Credimi, sarei stata in quella stanza per ore e ore ad ascoltare quel susseguirsi di vicende e avventure. Ecco cosa ho capito:

  • Tutti ripetono sempre che l’età è relativa. Al tempo stesso, però, la società si aspetta dalle persone certi comportamenti e le donne sulla trentina ne sanno qualcosa. Le ragazze che erano in quella stanza stanno tutte vivendo la loro vita nel modo più spontaneo ed autentico possibile, seguendo solo le proprie regole. C’è chi ha lasciato il lavoro da scienziata in Australia per vivere un anno in Italia, lavorando come cuoca in un ristorante toscano, e chi in Olanda ha abbandonato tutto, perfino il gatto, per trasferirsi e ripartire da zero. Allora è facile pensare che gli anni non contino, ma non è altrettanto facile, quando poi ci si trova ad una certa età e in un periodo di confusione, levare le vele e prendere il vento in un’altra direzione.                                            
  • Ho capito, cosa che sapevo già ma di cui mi piace avere la conferma il più possibile, che nella vita c’è sempre spazio per cambiamenti improvvisi e svolte inaspettate. Non è mai tardi per realizzare un progetto ambizioso o ricominciare da capo. Gli errori sono fondamentali, quindi non abbatterti se ti sembra di girare sempre intorno o non avanzare di un passo. Tuttavia, se noti che le tue scelte sono sempre dettate dalla paura, allora è il momento di scelte più radicali.

Tornare al punto di partenza non è la stessa cosa che non essere mai partiti

Terry Fratchett

  • Le storie sono affascinanti perché ci ricordano le infinite possibilità che abbiamo, come la trama di una ragnatela, fittissima e talvolta dalle forme più bizzarre. Ma, soprattutto, le storie ci permettono di prendere ispirazione e creare una rete di contatti. Se ancora non l’avessi recepito a fondo, nella vita avrai sempre bisogno di una buona rete di contatti. Non sto parlando a livello professionale, ma proprio di persone che ti facciano cambiare prospettiva e ti mettano in discussione, che siano pronte a supportarti, ispirarti, ridimensionarti. Le storie aiutano a relativizzare e imparare. Come hanno affrontato gli altri una situazione simile? Come ti saresti comportato tu in quel caso? Ti senti confuso e non riesci a prendere una decisione? Pensa alla forza di volontà di quella persona che ha cambiato tutto…                         
  • Le storie ci aiutano anche a capire gli altri e vedere il mondo con occhi altrui. I maschi italiani di una certa età sono davvero così maleducati e pieni di pregiudizi nei confronti delle ragazze dell’est e delle brasiliane? Come mai le straniere sentono per il nostro paese questa fortissima attrazione/amore? Noi lo vediamo sempre in modo così negativo, ma ci sono molti stranieri per cui il Belpaese rappresenta una scelta di vita ideale. Per quanto l’Italia sia un paese complesso che si accascia su se stesso, è splendido notare che qualcuno ne vede ancora la bellezza intrinseca, che brilla sepolta sotto tanta corruzione e abbandono. Ogni tanto è bello farsi prestare un paio di occhiali differenti.

IntrecciStorie

Grazie, storie. Grazie a quelle già citate e a tutte le altre ascoltate in quella stanza. Grazie alla storia della newyorchese con quattro nonni italiani che ha un’impresa di assicurazioni e fa l’attrice, ma viene in Italia per riscoprire le sue radici; alla ragazza del Mugello che invece di sposarsi ha deciso che doveva fare ancora qualche altra esperienza e si è trasferita in un appartamento condiviso; grazie a tutte le persone che quella sera hanno condiviso l’aperitivo e una parte di sé, dimostrando che le paure si possono vincere e le aspirazioni realizzare.

Come si intrecciano tutte le storie! Adesso, sarei curiosa di sapere qual è la tua storia.

Questa sezione servirà appositamente per raccontare. Se l’articolo ti è piaciuto intanto condividilo o lascia un commento.

Le mille e una storia

Marie Curie: 5 insegnamenti da una donna radioattiva

curie-1024x565
views
1384

Ho scelto di inaugurare la sezione “Ladies” con un articolo dedicato a Marie Curie.

Perché una figura del secolo scorso e perché proprio lei? Innanzitutto, perché questa settimana ricorre l’anniversario della sua nascita (7 novembre), poi anche perché, per guardare al futuro, ritengo sia necessario conoscere il passato.

Le donne di oggi affrontano ancora molte difficoltà legate agli stereotipi di genere e troppo spesso si regredisce, invece di avanzare. Basti pensare, senza voler entrare nel merito delle questioni, alle dichiarazioni durante le elezioni americane o alla recente marcia delle donne in Polonia.

Non vuoi perderti in riflessioni di questo tipo e vuoi sapere subito perché Marie Curie è stata una figura tanto speciale? Va bene, stavolta tagliamo l’introduzione 😉

Ecco cosa, TUTTI, possiamo imparare da questa scienziata nata alla fine dell’800:

  • Se non c’è una strada diretta per raggiungere il tuo obiettivo cerca delle alternative

Prima di potersi permettere di trasferirsi a Parigi e studiare alla Sorbona, Marie Curie insegnò per anni mettendo da parte i soldi necessari e lavorò anche come governante.

  • Se credi nel tuo progetto persisti anche quando gli ostacoli sembrano insormontabili

Da ragazza Marie Curie avrebbe voluto iscriversi all’università, ma nella Polonia di inizio ‘900 alle donne non era permesso accedervi. Perciò si iscrisse con la sorella ad un’università illegale che cambiava continuamente sede, in modo che i membri non fossero scoperti. Ha corso grossi rischi, ma a leggere informazioni sulla sua biografia si capisce che non avrebbe permesso a niente e nessuno di ostacolarla.

  • Se non è mai stato fatto prima non vuol dire che sia impossibile

Marie Curie ha scoperto ben due elementi, il radio e il polonio, durante gli esperimenti col marito. Decise di non brevettare il processo di isolamento del radio per favorire il progresso scientifico. È proprio a lei, prima donna ad insegnare alla Sorbona, che dobbiamo l’utilizzo delle radiografie, testate sui feriti durante la Prima Guerra Mondiale e a lei si deve anche l’unità di misura Curie per la radioattività.

  • L’apprendimento ha un valore incommensurabile 

Sin dall’infanzia i genitori, entrambi insegnanti, le trasmisero una forte passione per l’apprendimento. Ancora oggi si conservano i manoscritti e gli appunti della scienziata, altamente radioattivi, e addirittura la lista della spesa, in cui, tra i beni di prima necessità, sono elencati i materiali per gli esperimenti… non era esattamente una donna all’antica! Questa è la cosa più importante che Marie Curie, come molte altre figure del passato, ha lasciato in eredità: non si smette mai di imparare, crescere, scoprire.

  • Sii meno curioso della gente, e più curioso delle idee.

Citazione… qui non c’è bisogno di commenti, non trovi?

Esempio di grande dedizione e caparbietà, Marie Curie è la prima donna ad aver ricevuto il Premio Nobel e l’unica (persona, non solo donna) ad averne ricevuti due in ambito scientifico, in fisica nel 1903 e in chimica nel 1911.

Senz’altro una figura da non dimenticare e se vuoi conoscere i dettagli sulla sua vita puoi dare un’occhiata qui.  

Su questo articolo di Focus puoi invece accedere alla galleria di 10 inventori uccisi dalle proprie invenzioni, tra cui anche la scienziata in questione, morta per una malattia causata molto probabilmente dalle radiazioni a cui era perennemente esposta.

Adesso una mia riflessione.

Quante volte le giovani generazioni vengono criticate perché non si impegnano abbastanza per la parità e accusate di non onorare le battaglie di chi li ha preceduti? Eppure come si può pretendere un cambiamento se ancora oggi non si riescono a scardinare certi modelli che si ripetono sin dall’infanzia?

Ti ricordi di aver mai discusso a fondo di questioni di genere a scuola?

O ti è mai stata assegnata una ricerca storica sulle figure femminili che hanno dato un contributo fondamentale alla società?

Sapevi che se oggi puoi farti una radiografia il merito è di Marie Curie?

Sai farmi il nome di almeno una decina di donne del passato che hanno dato un contributo importante alla società?

Ti chiederai cosa c’entri tutto questo con la crescita personale… c’entra eccome.

Quando le donne potranno apportare pienamente il loro contributo, la società sarà migliore. Per adesso una  parte fondamentale dell’umanità è frenata, quando non apertamente osteggiata. E, diciamocelo, dagli anni 2000 ci saremmo aspettati molto di più! Invece sembra di essere ancora in una Terra di Mezzo, in cui una donna è cancelliere tedesco e moltissime altre muoiono per mano di un partner geloso.

C’è bisogno di tutta l’energia, la creatività e la dedizione possibile per risolvere le sfide che l’umanità deve affrontare e non basta metà contributo. Quindi, non posso che dedicare alle donne un’intera sezione del mio blog.

Lettrice, la mia speranza è di riuscire a spronarti, affinché tu corra più rischi, tu capisca cosa ti trattiene e tu dia vita ai tuoi brillanti progetti. Nel mentre, indagherò su qualche figura del passato e del presente, perché avere qualche punto di riferimento aiuta nei momenti di difficoltà.

Ovviamente, che tu sia uomo o donna, sono sicura che apprezzerai questa sezione.

L’umanità ha bisogno di persone d’azione, ma ha anche bisogno di sognatori per i quali perseguire disinteressatamente un fine è altrettanto imperioso quanto è per loro impossibile pensare al proprio profitto

Marie Curie

C’è una figura femminile dell’epoca contemporanea che ti ispira e prendi come riferimento? Scrivilo nei commenti, potrebbe ispirare altri lettori!

Foto da Google Immagini