100 giorni di scrittura

IMG_5187

Improvvisamente, un’illuminazione. A cosa dedicherò la prima parte del 2018? Alla scrittura.

Il perché ho voluto spiegarlo sui social appena 2-3 giorni dopo Capodanno:

Guardandomi indietro e ripensando al 2017, c’è una cosa che mi colpisce: dei tanti obiettivi che mi ero prefissata, alcuni sono stati raggiunti e altri no, tuttavia, è curioso come io abbia trascurato proprio una delle cose che mi sta più a cuore e su cui maggiormente avrei voluto concentrarmi: la scrittura.

Non che non abbia scritto affatto, anzi, ma spesso l’idea di dovermi sedere a scrivere mi è sembrata un peso, un obbligo inutile. Eppure che soddisfazione e che gioia dopo averlo fatto! 

Davvero è sorprendente che ci capiti spesso di trascurare le cose per noi più importanti? No, non lo è. Quando una cosa ci sta cuore, solitamente, fa anche un po’ paura.

Ma nel 2018 voglio procedere senza paure.

Per farlo, ho deciso che scriverò per 100 giorni di fila. Non importa cosa! Si può trattare di un articolo del blog, degli appunti, qualche nota, una revisione… poco importa. Scriverò.

Ecco, dunque, il primo progetto di quest’anno.

LA SFIDA

  • scrivere per 100 giorni di fila
  • fare dei video di aggiornamento e pubblicarli su Facebook

Viene da chiedersi…

E se non ce la dovessi fare? 100 giorni non sono pochi!

Non morirà nessuno, l’importante è provarci e lo scopo non è scrivere per 100 giorni, lo scopo è sforzarsi di trovare il tempo per qualcosa che ti interessa. In questo modo l’attività in questione diventerà anche un’abitudine e, di conseguenza, diventerà più facile svolgerla. Al centesimo giorno si spera che tu abbia incorporato talmente bene la cosa nella tua quotidianità da chiederti come passavi il tempo prima.

L’ispirazione esiste ma ci deve trovare all’opera

Pablo Picasso

Questa è la mia prima sfida dell’anno. Quale sarà la tua?

Non dimenticare di seguirmi sui social per essere aggiornato sulla mia sfida che, spero, ti ispirerà a fare del tuo meglio per portare a termine ciò che ti sta a cuore.

Intanto, ti dirò una cosa:

io, oggi, ho scritto!

Ecco il primo video (terribile, ma nella vita bisogna buttarsi) 😀

Il secondo video

E il terzo…

Qui trovi le mie riflessioni sul progetto e i dettagli sulla sua conclusione.

Ti anticipo solo che non è andata affatto male, ricominciamo da capo?!