Crescita personale

perché dovresti seguire dei corsi online!

girl-67694_1920

Non perdiamo tempo e passiamo subito al sodo: mai pensato di fare dei corsi online?

Fino a pochi anni fa non esisteva la possibilità di imparare sul web con corsi interamente gratuiti e realizzati da professori di un certo livello, ma oggi le cose sono cambiate, olé!

Ciò non vuol dire che l’università stia perdendo importanza, tutt’altro. I corsi online ti offrono la possibilità di ampliare le competenze e approfondire argomenti che magari in aula erano stati trattati un po’ di fretta.

Rivoluzione!

Questi corsi stanno aprendo le porte a una vera e propria rivoluzione nel campo dell’istruzione e, anche se al momento non vengono riconosciuti, salvo rarissimi casi, in futuro potrebbero esserlo.

Sapevi, ad esempio, che il celebre MIT (Massachusetts Institute of Technology) o l’Università di Stanford offrono diversi MOOC (Massive Open Online Courses – corsi online aperti a tutti)?

Ciò vuol dire che chiunque abbia una connessione internet può acquisire nuove conoscenze senza dover spendere un centesimo per rette universitarie da capogiro o affitti esagerati, volendo neanche per carta e penna 😉

Dove trovo questi corsi online?

Su internet puoi trovare corsi di ogni tipo, dalla programmazione alla meditazione buddista-tibetana. No, non sto scherzando, si trova davvero di tutto.

I portali più diffusi sono facilissimi da usare, permettono di gestire l’apprendimento in maniera autonoma, scegliendo come e quando seguire il corso, e mettono a disposizione sia corsi gratuiti, sia altri con prezzi variabili (sempre accessibili). Puoi anche interagire facilmente con gli insegnanti e, se hai delle competenze, puoi realizzare tu stesso dei video da mettere a disposizione per gli altri. Perché no?!

Ecco alcune delle piattaforme più celebri:

Uno dei portali più interessanti è Khan Academy, realizzato dall’omonima ONG californiana che offre corsi interamente gratuiti.

Il fondatore stava spiegando alla nipote alcuni concetti di matematica e ha avuto il classico momento lampadina: perché non creare dei video per spiegare in modo semplici le materie scolastiche a tutti i ragazzi d’America? Oggi Khan Academy è cresciuta parecchio e vanta sostenitori come la Bill&Melinda Gates Foundation. La mission aziendale è rendere un buon livello d’istruzione accessibile a tutti, ovunque.corsi online

In Italia c’è invece Oil Project, con lezioni che spaziano dalla letteratura alla fisica.

Un mondo a disposizione, ma…

Può essere che il tuo CV venga scartato perché gli manca un po’ di pepe?

Quante volte realizzi che migliorare in un certo ambito, ad esempio nell’utilizzo di powerpoint, o ampliare le tue competenze linguistiche, potrebbe esserti utile?

Adesso la domanda scomoda: quante volte, però, passi effettivamente all’azione?

Oggi abbiamo a disposizione uno strumento potentissimo come internet, ma non si può dire che lo sfruttiamo al meglio. So bene che la routine ha spesso la meglio, che il tempo manca, che vorresti ma poi finisci per rimandare… LO SO.

Tuttavia, questi corsi sono molto brevi, ti basterebbe un’oretta per completarne molti. Non converrebbe spegnere la tele e fare qualcosa di utile una volta a settimana?

I vantaggi sono enormi:

  • puoi ampliare le tue conoscenze in qualunque settore
  • stimolare il tuo cervello appisolato per troppa tv/smartphone/video idioti su youtube
  • imparare qualcosa di utile senza fretta né ansia
  • svagarti in modo costruttivo
  • scoprire alternative e magari ritrovarti con un’idea geniale in testa!

l’altro lato della medaglia

  • quando non c’è nessuno che ci stressa o nessun esame in arrivo tendiamo a rilassarci troppo. Sforzati di non abbandonare a metà, porta a termine il corso!
  • anche il fatto che siano gratuiti può rivelarsi controproducente: se non l’ho pagato e resta sempre a disposizione posso seguirlo più avanti! Meglio darsi una scadenza.

Personalmente utilizzo abbastanza Udemy. Per darti un’idea di cosa si può trovare, ti dico solo che recentemente sono incappata in un corso di pochi minuti sul portale Curious. Un corso così inusuale che non sono riuscita a resistere: come realizzare un rifugio nel bosco quando non si ha con sé alcuna attrezzatura!

trucchetto

Per non abbandonare un corso cerco di salvare tra i “desiderati” solo quelli che realmente mi interessano. Quando ne inizio uno nuovo prendo appunti e provo a darmi una scadenza precisa. Inoltre, scelgo sempre corsi online che non siano troppo lunghi e in cui chi espone abbia un tono di voce vivace e una dizione chiara.

Mi è capitato di seguire un corso interessantissimo sulla creatività, ma l’oratore era talmente pesante che è stato impossibile finirlo.

Che siate demoralizzati (ci sono corsi anche su salute e benessere) o vi troviate da soli in un bosco, sappiate che i corsi online possono salvarvi la vita! E poco importa quale scegli, l’importante è utilizzare il tempo per qualcosa di utile e per smuovere un po’ i tuoi neuroni! Del resto non puoi sapere quando o come le competenze acquisite, per quanto bizzarre, si riveleranno utili.corsi online

Sarebbe un peccato non sfruttare tutto questo materiale che aspetta solo te!

Ci lamentiamo sempre di tutto, a volte a ragione te lo concedo, ma altre dimostriamo solo di essere pigri quando c’è da passare all’azione.

Il destino è nelle nostre mani. Se non abbiamo successo la colpa è nostra.

Elon Musk

Attenzione, qui con successo non voglio proprio che tu intenda fare una barca di soldi e passare le giornate col jet-set internazionale. Intendo rinunciare a qualcosa a cui tieni senza neanche provare, per mancanza di motivazione, per pigrizia, o semplicemente perché hai paura di fallire. Perfino più probabile, perché stasera c’è un bel film in tv, allora guardo quello, posso imparare qualcosa più avanti…

riflessione finale

Non vorrei essere stronza e farti venire i sensi di colpa (stile madri anni ’80 sui bambini che muoiono di fame in Africa), ma sappi che 60 milioni di bambini nel mondo non hanno accesso all’istruzione di base (dati Save the Children).

Ho lavorato coi rifugiati siriani in Turchia e ricordo bambini di 10 anni che non sapevano né leggere né scrivere nella loro lingua madre. Si affollavano intorno alle mie colleghe egiziane, che cercavano di insegnargli l’alfabeto arabo. La guerra li ha beccati proprio in età scolare. A loro non dispiacerebbe avere un computer personale da usare per seguire dei corsi.

Condividi l’articolo se ti è piaciuto e non sentirti in colpa, hai sempre tempo per imparare a farti un rifugio nel bosco 😉

Rispondi