Che ansia!

Cara ansia, 5 modi per sconfiggerti con questo blog

Nuvole d'ansia

Sono in molti a dire che ansia e stress sono i grandi mali dell’uomo moderno, tanto che l’Associazione Europea di Psichiatria l’anno scorso ha calcolato che più di 61 milioni di europei soffrono d’ansia, tra cui circa 8 milioni di italiani. Ma non mettiamoci a filosofeggiare sulla società attuale e i mali del mondo! Passiamo subito al sodo.

In questo articolo ti spiegherò perché, se sei ansioso, questo blog fa al caso tuo.

Come dici… Chi sono io per affrontare l’argomento? Un’ansiosa. Per davvero.

Ho un disturbo d’ansia, a volte è una cosa passeggera, ma in certi periodi devo costringermi a respirare come si deve e la cosa più semplice può diventare un ostacolo insormontabile.

Non ho mai preso farmaci, ma sto provando con l’omeopatia.

Mi sembra di essere sempre stata così, almeno a partire dal liceo. Ricordo pomeriggi interi in cui non riuscivo a combinare niente e mi sentivo avvolta da una nuvola grigia, proprio come nell’immagine che ho scelto per rappresentare quest’articolo. Certi giorni c’era, altri spariva, ma non era possibile capire da cosa dipendesse. Una tale frustrazione!

Sicuramente nel mio caso si tratta di un disturbo di lieve entità, che in alcuni modi riesco a controllare, ma non dimentichiamo che

l’ansia

è un disturbo mentale

(no, ahia, è doloroso ammetterlo)

Proviamoci di nuovo:

l’ansia è un disturbo mentale

e può avere conseguenze molto serie.

Eh mi dispiace, ma mica l’ho deciso io!

Questo per dire che, sì, posso e intendo darti una mano con ogni mezzo possibile, ma non faccio magie, posso solo indirizzarti verso un percorso diverso ed esortarti a provare per vedere cosa funziona meglio per te.

In questi anni ho elaborato una serie di tecniche, trucchi e stratagemmi per cercare di tarpare le ali alla mia amica Ansia prima che prenda il volo, per fregarla, cercare di gestirla e non lasciare che sia lei a gestire me.

Finita l’introduzione su me stessa? Oh yes, ma non essere così ansioso di cominciare 😉

Dicavolievele tratta di crescita personale, quella cosa a cui se stai leggendo probabilmente aspiri ma a cui spesso devi rinunciare… oggi non riesci neanche a rallentare il ritmo del tuo respiro, figuriamoci metterti a lavorare su te stesso!

Sbagliato, ce la puoi fare lo stesso.

Una parte degli articoli del blog è dedicata specificatamente a te, amico ansioso, ecco perché:

  • Magari non soffrirai di disturbo d’ansia generalizzato, ma nella vita avrai sicuramente fatto conoscenza con questa premurosa dama di compagnia! Spero non torni a trovarti, nel qual caso questo blog ti aiuterà per molto altro.

 

  • Vogliamo parlare di cosa si trova su internet digitando “ansia”? Mi butto giù da un ponte e risolvo meglio il problema. O provo io stessa a dare una mano.

 

Non importa se soffri d’ansia da sempre o solo in questo preciso periodo, in questo blog puoi imparare a gestirla meglio, se non proprio a toglierla dai piedi.

Come faccio a capire se sto solo passando un brutto periodo o ho un disturbo d’ansia?

Come posso imparare a gestire ansia e negatività?

Come faccio a non lasciarmi travolgere?

Ehi ehi, vacci piano! Qua stiamo parlando di roba complessa, mica si può affrontare il tutto con un solo post!

Nella home del blog ho scritto “lascia i cavoli e spiega le vele”, mica teletrasporto immediato verso un futuro radioso in cui la tua vita è perfetta!

La prima cosa che devi interiorizzare è che non c’è niente che non va in te.

L’ansia non è sempre negativa, al contrario, è una reazione naturale che serve per avvisarci di un pericolo, è un segnale fondamentale del nostro corpo.

Per questo non devi sentirti strano, diverso o anormale.

Il fatto che tu sia un ansioso cronico o che l’ansia abbia iniziato improvvisamente a tormentarti, non vuol dire che tu sia un pazzo che ingigantisce ogni sciocchezza, un fallito che non riesce a combinare nulla di ciò che si prefigge o uno sfigato in un mondo di fighi e perenni entusiasti (dai social può sembrare così, lo so).

Tutti soffrono d’ansia occasionalmente, ma se questo problema ti affligge costantemente, soprattutto quando l’ambiente circostante non ti sta fornendo alcun motivo per entrare in allarme, allora hai un problema.

Aldilà delle terapie che puoi provare con uno psicologo, delle cure omeopatiche e di ciò che ti prescrive il medico, ci sono molti modi in cui puoi migliorare subito la tua vita ed imparare a stare meglio.

Tra questi, usare questo blog:

1) leggi gli articoli che un’ansiosa doc scriverà apposta per te nella sezione Che ansia!. Ho provato in prima persona tutto ciò di cui scrivo, ti puoi fidare. Se hanno funzionato per me, perché non provare, hai qualcosa da perdere?

2) non fermarti qui! Ci sono altre 3 sezioni nel blog che ti aiuteranno a distrarti dalla tua ansia e a fare un piccolo passo nella giusta direzione. A volte basta semplicemente che qualcosa sposti la nostra attenzione sull’esterno, invece che sull’interno, per sentirsi meglio.

3) segui sempre il blog sia per avere accesso alle risorse, sia per essere tra i primi a scaricare l’infoprodotto dedicato proprio a chi ha problemi d’ansia. Quando arriverà? Qui ci vorrà un po’, abbiamo appena cominciato!

4) seguimi sui social per avere sempre a disposizione le giuste citazioni nei momenti del bisogno, suggerimenti, foto e descrizioni di sfide quotidiane che vanno affrontate… senza ansia!

5) iscriviti alla newsletter (work in progress) per essere sempre aggiornato sugli stratagemmi che ho sviluppato e provato per te, e scrivimi per farmi sapere come sta andando!

Spero che questo blog diventi per te uno spazio positivo in cui trovare rifugio nei momenti più difficili, quando l’ansia ti blocca e la tua mente è soffocata dai pensieri negativi.

Spero che tu possa distrarti, ma anche e soprattutto ispirarti e ritrovare fiducia e ottimismo.

L’ansia è invalidante, ma puoi riuscire a non farti travolgere.

Devi solo capire come e questo blog è qui per questo.

Lascia i cavoli, spiega le vele… condividi quest’articolo sui social se soffri d’ansia o conosci qualcuno in difficoltà. E ricorda:

La vita è troppo breve per sprecarla in guerra contro te stesso

Anonimo

Rispondi